Bando 5G per l'assegnazione di diritti d'uso delle frequenze

Con la pubblicazione del bando e del Disciplinare di gara sulla base delle regole definite dalla Autorità per le garanzie nelle comunicazioni con la delibera 231/18/CONS, dell'8 maggio 2018, l'Italia si conferma tra i paesi leader in Europa per lo sviluppo del 5G. Tale atto rappresenta, infatti, una importante decisione strategica che pone il nostro Paese all'avanguardia sia per la quantità e la qualità dello spettro messo a disposizione degli operatori di comunicazione elettroniche sia per le potenzialità di sviluppo di servizi innovativi per i cittadini e le imprese ma anche per la stessa pubblica amministrazione.

L'Italia, già al centro dell'attenzione internazionale con la sperimentazione di reti e servizi 5G in 5 città, si pone come uno dei paesi più avanzati al mondo nella adozione di tale nuova tecnologia che, per le sue caratteristiche, quali la bassa latenza, la grande capacità di banda, i bassi consumi energetici, l'alta affidabilità, nei prossimi anni consentirà la digitalizzazione di ampi settori economici: dai trasporti all'industria, all'agricoltura, alla cultura, alla scuola, alla sanità, al turismo, all'ambiente, garantendo ampi margini di crescita.

Con l'asta vengono messi a gara 1275 MHz di spettro nelle bande pioniere per il 5G attuando il 5G Action Plan europeo. Più precisamente:

  • 1000 MHz nella banda a 26GHz
  • 200 MHz nella banda a 3.7 GHz
  • e 75 MHz in quella a 700 MHz.

L'elenco dei soggetti ammessi alla procedura di assegnazione delle frequenze è stato approvato con determina direttoriale del 6 agosto 2018. Il 10 settembre 2018 le imprese hanno presentato le offerte economiche iniziali (leggi il comunicato stampa). 

 

Procedura per l’assegnazione di diritti d’uso delle frequenze 

 

 

Allegati

 

Domande frequenti (FAQ)

 Risposte alle richieste di informazioni e chiarimenti (pdf)



Ultimo aggiornamento: 17 ottobre  2018




Questa pagina ti è stata utile?

NO